Associazione Europea delle Vie Francigene

Nel pomeriggio di giovedì 18 giugno, nell’ambito dell’Inaugurazione ufficiale della Borsa di Oropa 2009, avrà luogo presso la Sala Convegni del Santuario di Oropa la presentazione tematica dell’ AEVF - Associazione Europea delle Vie Francigene. Dal 22 aprile 2001, data della sua fondazione, l’Associazione Europea delle Vie Francigene ha inteso svolgere un’azione “politica” nei confronti degli interlocutori istituzionali interessati al progetto di valorizzazione del millenario itinerario di pellegrinaggio, fungendo da interfaccia tra i diversi livelli - locale, nazionale ed europeo - lungo i quali si articolano le attività volte a promuovere un vero e proprio “prodotto turistico-culturale francigeno”.

Questo non solo in virtù della profonda valenza culturale dell’antica via, ma anche in funzione del suo potenziale ruolo di catalizzatore per i processi di sviluppo locale, in un’ottica improntata alla sostenibilità.

Con lo scopo di diffondere la sua mission, connotandosi come punto di riferimento per le istituzioni, le associazioni, le confraternite e i pellegrini, l’AEVF ha messo a punto una solida architettura di comunicazione, basata su due pilastri: la rivista Via Francigena e il portale www.viafrancigena.eu.

Con il suo ricco apparato fotografico, Via Francigena, pubblicata semestralmente in una duplice versione italiano-inglese, unisce l'informazione sull’attività di AEVF, inserita nel più ampio contesto degli Itinerari del Consiglio d’Europa, all'approfondimento storico-culturale. Grande attenzione è posta, inoltre, alla realizzazione di "speciali" dedicati a Regioni, Province e Comuni, incentivando così i rapporti istituzionali che formano la rete portante del progetto associativo.

Una rete che sa comunicare e coordinarsi nelle più di novanta redazioni locali che aggiornano quotidianamente il database del portale www.viafrancigena.eu, funzionale strumento di marketing territoriale che rende i territori cosiddetti “minori” parte di un progetto unitario di valorizzazione. In considerazione della ricchezza di contenuti che già offre questo strumento, la Regione Toscana - capofila del Progetto Interregionale “Via Francigena” ai sensi della Legge 135/01, la Legge Quadro sul Turismo - si sta attivando per implementarne il progetto e promuovere la creazione del nuovo portale delle Vie Francigene, punto di raccordo per gli attori istituzionali e gli appassionati.

Un progetto impegnativo, quello legato alla riscoperta del Grande Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa (2004), che non ha mancato di affascinare, oltre a pellegrini, camminatori e studenti, le istituzioni. Dalla sensibilità del Governo italiano nei confronti dell’universo francigeno si è concretizzata la Consulta per gli Itinerari Storici, Culturali e Religiosi, istituita con D.P.C.M. del 27 settembre 2007. Oltre che al suo interno, l’Associazione è rappresentata in seno al Comitato Scientifico, organo tecnico-operativo attivato dall’approvazione dell’atto di indirizzo della Consulta stessa. Fruttuose le relazioni che AEVF ha saputo costruire con la Direzione Generale Beni Librari, Istituti Culturali e Diritto d’Autore del MiBAC, con la quale è stato siglato l’Accordo di Valorizzazione della Via Francigena. Il protocollo apre nuove prospettive in termini di sviluppo delle attività associative, con particolare attenzione alla fruibilità del percorso, all’accoglienza e alla comunicazione.

Oltre al coinvolgimento del Governo italiano, l’AEVF si avvale, nel panorama europeo, di una serie di interlocutori privilegiati, con cui si prefigge di promuovere proficue relazioni per la valorizzazione dei cammini di pellegrinaggio, come ad esempio I Cammini d’Europa GEIE, operante nell’ambito dell’omonimo programma di cooperazione transnazionale. Essa si configura, inoltre, referente istituzionale per la Via Francigena dell’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali di Lussemburgo (IEIC), agenzia tecnica del Consiglio d’Europa per il coordinamento dei 24 Itinerari Culturali. L’AEVF intrattiene anche proficue relazioni con la Conferenza Episcopale Italiana e annovera tra i suoi partner l’Opera Romana Pellegrinaggi.