testo home

Le splendide ambientazioni offerte dalla rete dei Sacri Monti - di cui Oropa fa parte - contribuiscono a sottolineare da un'edizione all'altra il livello delle proposte turistiche piemontesi negli ambiti devozionale, culturale, storico-artistico. In queste location di eccellenza Enti turistici, Province e Regioni italiane, Operatori dell'offerta italiana e Buyers giunti da paesi anche molto lontani come il Giappone, la Russia, il Brasile, la Cina e Taiwan, gli Stati Uniti e dal 2009 l'Australia si ritrovano per gettare le basi di un fecondo scambio che si intende sviluppare negli anni a venire.

Il Santuario e Sacro Monte di Oropa, sede della manifestazione, rappresenta una significativa eccellenza non solo in quanto meta di visite e pellegrinaggi a livello nazionale ed internazionale, sito riconosciuto all'interno del sistema dei Sacri Monti UNESCO e dei Parchi della Regione Piemonte, ma anche dal punto di vista della grandiosità delle strutture, che consente l'ambientazione ottimale di un percorso formativo-operativo residenziale per tecnici del settore, rappresentanti dei siti e delle realtà devozionali ospiti della manifestazione ed Autorità istituzionali connesse all'area di attività.

Il Santuario e Sacro Monte di Oropa e il Biellese, che hanno ospitato ed organizzato in collaborazione con la Regione Piemonte le prime tre edizioni della "Borsa dei Percorsi Devozionali e Culturali", supportandone il largo e ormai consolidato successo, si qualificano quindi come un punto di riferimento per gli operatori nazionali e internazionali del Turismo di settore, e concorrono ad attestare il ruolo del Piemonte nella tutela, nella valorizzazione e nella promozione dei sistemi culturali e territoriali costituiti dai Sacri Monti e dagli altri luoghi di fede e di spiritualità. In un'ottica di sempre maggiore fidelizzazione e soddisfazione dei partecipanti, provenienti da tutto il Piemonte, dall'Italia e dal mondo, la periodicità biennale della manifestazione contribuisce a garantire la visibilità necessaria alle attività di valorizzazione turistica e culturale di cui sono sempre più protagonisti i luoghi di devozione piemontesi ed italiani, consentendo al pubblico internazionale di cogliere la qualità e l'unicità dell'offerta proposta.

La Passeggiata Raccontata 2018

Il territorio in cui ha sede il Santuario mariano di Oropa cela molte ricchezze, e non solo lo scrigno di religiosità e fede popolare che è la Basilica in cui è conservata l’antica statua della Madonna Nera. La giornata di domenica 1 luglio 2018 ha offerto l’occasione di conoscere un altro aspetto del territorio, che nel tempo è diventato quasi mitico e che ancora oggi è motivo di vanto.

Si tratta della tramvia Biella – Oropa, che oggi non è più in funzione ma che ha collegato le due località per un lungo periodo di tempo, dal 1911 al 1958. Il tram che copriva il percorso era noto come “Ardita Italia” poiché le sue caratteristiche tecniche erano decisamente all’avanguardia per quel periodo storico, e la sua memoria non si è mai spenta tra le gente del posto. Non a caso esiste anche un’associazione, l’Associazione Ferrovia Biella – Oropa, che si occupa non solo di mantenere vivo il ricordo della gloriosa tramvia, ma anche di curare il piccolo museo storico che è stato realizzato all’interno del tram, che è sempre rimasto sui suoi binari e che oggi si può ammirare non distante da Oropa. Affinché un numero sempre maggiore di persone conosca la storia dell’Ardita Italia, inoltre, da quattro anni a questa parte viene organizzata una curiosa e affascinante iniziativa che prende il nome di “Passeggiata Raccontata”. La Passeggiata Raccontata è stata voluta congiuntamente dall’Associazione Ferrovia Biella – Oropa e dall’Associazione Culturale Fucina Territoriale Biellese. La prima edizione si è svolta in concomitanza con la giornata delle ferrovie dimenticate. Ce ne sono tante in Italia, linee dismesse dove un tempo correvano i convogli ferroviari e che oggi sono tornate a far parte del patrimonio naturalistico. Quest’anno 2018 la Passeggiata Raccontata si è svolta domenica 1 luglio e ha registrato una nutrita partecipazione, come sempre, d’altro canto. Si calcola che in questi quattro anni in tutto abbiano preso parte all’iniziativa circa 400 persone. La Passeggiata Raccontata è una via di mezzo tra la visita guidata e il trekking in campagna. Lo scopo, infatti, è duplice. Da un lato c’è la volontà di divulgare la storia della linea ferrotramviaria Biella – Oropa, dall’altra c’è soprattutto il desiderio di fare una bella passeggiata negli splendidi paesaggi che circondano Oropa. Quest’anno l’iniziativa si è svolta in questo modo. I partecipanti si sono ritrovati tutti insieme alle nove del mattino alle cave di Favaro, per fare l’iscrizione. La passeggiata vera e propria è partita alle nove e mezza, quando il gruppo si è avviato con la guida di accompagnatori accreditati Uisp (Unione Italiana Sport per Tutti). Prima però si sono svolti i saluti di rito degli organizzatori, Luca Stecchi, presidente della Fucina, e Piermario Garbino, presidente Uisp. La passeggiata di quest’anno è stata addirittura inserita nel calendario regionale di Nordic Walking. Durante il tragitto alcuni relatori hanno poi raccontato le parti più interessanti della storia della tramvia: Francesca Giordano ha raccontato l’importanza che aveva lo stabilimento Oropa Bagni; Fiorella Giarrizzo ha dato nozioni naturalistiche, parlando della flora e della fauna del paesaggio locale. Davide Varesano ha raccontato tutta la storia della ferrovia, ne ha ripercorso con la memoria il tragitto fino a condurre i visitatori al museo su ruote che si trova non distante dal Santuario di Oropa. Il rientro poi è stato garantito dei bus di linea. A conclusione della giornata Stecchi ha dichiarato di essere molto soddisfatto del grande successo che ha riscosso e sta riscuotendo negli anni un’iniziativa come questa, che parla di una realtà piccola ma grande per il territorio.